48^ Mostra Artigianato Alto Vicentino:
appuntamento al 2021 (1-3 ottobre) all’insegna de #ilmiofuturoakmzero

“L’emergenza Covid-19 ci costringe ad annullare l’edizione 2020, ma siamo già al lavoro per organizzare la 48^ edizione dall’1 al 3 ottobre 2021, nel segno del rilancio del nostro tessuto economico e di un’ancora più stretta collaborazione tra scuole e mondo delle imprese”. È l’annuncio del Presidente della Mostra Artigianato Alto Vicentino Alessandro Rigon, che spiega così i motivi della scelta: “La Mostra attira ogni anno circa 25.000 visitatori: con un afflusso così imponente sarebbe stato impensabile garantire il rispetto delle misure di contenimento dell’epidemia. Il Comitato direttivo, con il pieno appoggio dell’Amministrazione comunale, ha dunque deciso di rinunciare all’edizione di quest’anno, prevista dal 2 al 4 ottobre, per concentrarsi sull’organizzazione di un’edizione 2021 che sia espressione della ferma volontà di ripartire (tipica delle nostre realtà imprenditoriali) e dello slogan #ilmiofuturoakmzero, pensato per sottolineare le opportunità lavorative che il nostro territorio sa offrire ai giovani che escono dalla scuola”.

Ma non può esserci un autunno senza MAAV, “e quindi – spiega il Presidente Rigon – in collaborazione con la Consulta delle Attività Economiche e Produttive del Comune di Marano Vicentino stiamo pensando ad alcune iniziative alternative, da mettere in pratica appunto nel prossimo autunno, rivolte agli associati delle categorie produttive per offrire analisi e spunti e far conoscere gli strumenti utili ad affrontare il periodo post-Covid. Le presenteremo ufficialmente tra alcune settimane”.

Altro punto fermo è il percorso di collaborazione tra MAAV e scuole del territorio, che quest’anno era già iniziato con la progettazione grafica di una nuova disposizione degli spazi per gli stand e l’area eventi affidata agli studenti dell’Istituto Pasini di Schio: “Li ringraziamo per l’ottimo lavoro fatto – afferma il Presidente. Verrà sicuramente messo in pratica in funzione delle prossime edizioni in carico a questo Comitato, che saranno contraddistinte da un coinvolgimento ancora maggiore degli istituti dell’Alto Vicentino e non solo”.